Percezioni

16 Dicembre

Pablo Picasso

Pablo Picasso53468_n

Spesso mi sono chiesta – Cos’è la felicità? –

Che differenza c’è tra l’essere contento e

l’essere felice? – Ho sempre pensato che la

felicità doveva essere qualcosa di grandioso,

straordinario, una sensazione sconosciuta,

mai provata,….

Qualche tempo fa ho fatto un sogno, nel sogno

ho rivissuto, un momento di vita vissuta.

Ero giovane  18-20 anni, mi trovavo nella casa

dove ho vissuto fino al matrimonio, ero nella

stanza che chiamavamo tinello, mia mamma

( che è morta da 37 anni) era seduta su una

poltroncina in un angolo, stava lavorando con

l’uncinetto come usava fare, io d’impeto come

spesso mi succedeva, sono andata sedermi

sulle sue ginocchia, la tenevo abbracciata

stretta, però stavo sollevata per paura di

schiacciarla, lei era piccola ed esile”

D’improvviso mi sono svegliata, mi sembrava

che il cuore mi scoppiasse, un emozione

sconvolgente, sensazionale, meravigliosa,

forte, indescrivibile, scioccante….

Si era questa la felicità, spesso la teniamo

tra le braccia e non  la riconosciamo…

cuore rosso

Febbraio  2015

0 casa vecchia 0 dietro campanile

Cadoneghe

Oggi ho sentito papa Francesco che diceva ai nuovi cardinali… voi non entrate in una Corte….

…..in me è riemerso il ricordo di un momento molto lontano…. e quasi in modo divertito mi sono detta, io si che sono entrata in una corte… Si chiamava Corte Ghedini, erano nove abitazioni unite, non separate da reti o recinzioni, tutte le porte si aprivano in un unico cortile, appunto la Corte Ghedini. Come ci sono arrivata?  Credo fosse il 1940, abitavamo a Padova in via “ delle rose “, cominciava la guerra. Eravamo cinque fratelli io la più piccola, per vari motivi bisognava lasciare la città, andare in un posto sicuro…. siamo arrivati di sera buio , lungo l’argine del Brenta, forse eravamo arrivati con il tram da Pontevigodarzere. Siamo entrati in questa casa buia, non c’era la luce elettrica. Abbiamo cenato al lume di candela, sopra un cassettone, ricordo abbiamo mangiato pomodori conditi in insalata e uova sode. Era settembre non faceva freddo, bisognava prepararsi per la notte, ma dov’è l’acqua? Dov’è il bagno? E’ tutto buio pesto. – Questa notte vai a dormire così come sei, domani cercheremo tutto. – Non ricordo dove ho dormito, avevo cinque o sei anni, a quell’età si dorme anche per terra. Quando mi sono svegliata c’era il sole, mi sono vestita in fretta perchè ero ansiosa di vedere dove eravamo andati ad abitare, prima di uscire bisognava lavarsi, ma dove ci si lava? dov’è il lavandino? Dov’è l’acqua? Bisognava pescarla con un secchio legato ad una catena, in fondo ad un pozzo. Non c’erano i servizi igienici,bisognava uscire, il gabinetto era a circa 50 metri, era uno stanzino di un metro quadrato, con due pietre per appoggiare i piedi, ci si serviva in due famiglie, non c’era mai la carta, bisognava ricordarsi di prenderla prima di uscire, ma bisognava trovarla. Per fare colazione bisognava andare dai contadini con un pentolino, ti davano il latte appena munto. Per scaldare il latte non c’era il fornello a gas, bisognava accendere il fuoco con la legna. Dopo una gran confusione , non so come, sono riuscita ad uscire e vedere dove ero arrivata.

Sorpresa!!! Mi sono trovata dentro un immenso cortile, in un gran vociare allegro di bambini che si rincorrevano, donne sedute davanti all’uscio che conversavano ad alta voce, chi sgranava fagioli, chi faceva la calza, chi sbucciava patate, chi lavava i panni.  Accanto alla mia porta un bambino sul seggiolone balbettava allegro agitando un cucchiaio, mangiava il riso da solo, l’aveva sparpagliato tutt’intorno, ne aveva anche sui capelli… e meraviglia delle meraviglie delle bambine che giocavano a casetta… impastavano la terra con l’acqua senza paura di sporcarsi e ne facevano delle torte… sono rimasta estasiata e felice… ero arrivata nel “ Paese dei Balocchi!!!”

Col senno di poi penso: – i bambini fanno un gioco di tutto, ma la mia povera mamma, nata e vissuta a Venezia, cosa avrà provato? Come si sarà sentita? In quale disagio? Una volta l’ho sentita dire – mi hai portato nel paese dove si è perso il signore – Papà ha risposto- Quando ti ho detto “ io non posso darti grandi cose” ricordi la tua risposta? Mi hai detto: – Anche sotto un ponte ma con te ! – ….

img_1539_thumb

b 40 antonietta prima della cura del tempo

IMG_1542

22 Agosto 2011

cia1041-6

Questa mattina durante la passeggiata

ho visto una bambina, non ancora di età scolare,

con la fronte appoggiata al cancello di casa sua,

che piangeva forte, un pianto sconsolato,

mi sono fermata e le ho chiesto cosa fosse successo;

piangendo mi rispose:” voglio andare in braccio

alla mamma”

Per consolarla le dico :- io sono una nonna,

se vuoi ti tengo in braccio-

Lei gridando ancora più forte :- Voglio andare

in braccio alla mia mamma!

Intanto esce di casa piangendo un fratellino

più piccolo,dietro a lui la mamma,

allora ho capito la mamma ha messo giù

il piccolo per prendere lei…

Ho continuato la passeggiata, ma con l’animo

pesante, un nodo di pianto mi stringeva la gola.

Non riuscendo a scioglierlo ho cominciato a

chiedermi perchè?

Con il pensiero sono andata a ritroso

fino alla mia infanzia…

Mi sono vista seduta in un angolo di sedia,

con la fronte appoggiata allo schienale,

ero triste, forse piangevo…

Ho sentito la voce di mia mamma che chiedeva

a qualcuno :- ma cos’hà questa bambina

quando fa così?…

Eravamo in tempo di guerra, ero l’ultima di

cinque figli, la città cominciava essere pericolosa

ci saranno i bombardamenti, bisognava cercare

un posto sicuro…lontano…in campagna…

c’era la disoccupazione… quanti problemi…

Ma un bimbo che ne sa?

E mi chiedo:- Come mai dopo tanti anni

tornano a galla certi pensieri?

Queste non so se chiamarle privazioni,

lasciano forse un segno che ci portiamo

dentro finchè viviamo?

47xhb32y1aq

 

2 febbraio 2011

 

small_a-way-with-boys

Sale dalla cucina un effluvio di

aromi,odo il battito ritmato

del pesto sul tagliere,

il cigolio del secchio nel pozzo…

In cortile vociare allegro di bambini…

Lontano annunci festosi di galline…

Passi amati e lenti salgono le scale,

Una voce cara – Come stai? –

la bocca si appoggia dolcemente

sulla fronte…

Apro gli occhi…

E’ la mente che va a ritroso

tra i ricordi d’infanzia…

cuore rosso

25 Aprile 2015

0 casa vecchia 1a

Corte Ghedini

E’ bello trovare ora l’amicizia che non eri riuscito costruire molti anni prima, chissà perchè, forse per timidezza, paura dei pettegolezzi o per quei tabù di allora, che ti convincevano che era sconveniente l’amicizia tra i due sessi. Ora è diverso… quando s’invecchia si torna bambini…dicevo siamo tornati bambini, i bambini non hanno preconcetti, stanno insieme perchè si divertono, parlano di tutto, senza paura di secondi fini, di venire fraintesi, è molto bello godere di questa libertà. Allora si parlava del futuro e lo si temeva…ora il futuro è già stato, sappiamo già come è andata e parliamo appunto di quello che è stato e torniamo  col pensiero là dove eravamo, timidi, inesperti, paurosi… con tante remore ora superate…o no? No, abbiamo comunque dei freni.

In Corte no, non c’erano timidezze, paure, in Corte si era in famiglia, maschi e femmine eravamo come fratelli, ora come allora quando ci si ritrova si continua il discorso lasciato sospeso dieci anni fa.  Vado spesso a cercare in ciò che rimane della Corte, qualcosa che mi manca e che non trovo. Camille Claudel dice “ C’è sempre qualcosa di assente che ci perseguita.”

Mi piace fare un gioco:- chiudo gli occhi e vado a ritroso, allora  sì che ritrovo tutto al loro posto, trovo la panca di marmo incassata nel muro, dove alla sera dopo cena si usciva e si andava a sedersi, ci si stringeva per starci tutti, si arrivava uno alla volta e ci si sedeva in silenzio per non disturbare chi stava raccontando la favola, le favole erano sempre le stesse e si trovava subito il filo del discorso. Poi arrivavano le lucciole e si faceva la gara a chi ne prendeva di più.  Di giorno invece si giocava a bandiera, era molto bello quel vociare allegro di bambini, non so se lo sogno ma lo risento spesso quando faccio silenzio. Si giocava a campana, a saltalamussa, a pindolo, a nascondino,a me con tanto disappunto di mia mamma, piaceva giocare a mago, si doveva mirare una pietra e con un sasso colpirla, un gioco da maschiacci. A volte rivedo attorno al tavolo grande del tinello i compagni di classe delle elementari che venivano fare i compiti, a me piaceva fare i problemi e mi venivano facili. Spesso mi piace andare fare compagnia a l’anziano Gigio che abitava nella porta accanto alla mia, mi siedo vicino al suo focolare mentre lui si cuoce il cibo, viveva da solo, lui parlava poco, ma a me raccontava molte cose, anche che la carne del gatto è molto saporita, più buona di quella del coniglio lui mangiava sempre con il gatto sulle ginocchia. Quando alla sera salgo le scale per andare a dormire, sento lui di là del muro che tossisce, io gli grido: – Notte Gigio!!! – e lui risponde :- note note tosa!!!-  Mi diverte anche correre tra le aiuole del giardino all’italiana, curato molto bene dal mio papà artista. Quando entro in giardino mi imbatto subito nel grande ciliegio, il suo fusto era proprio in mezzo alla rete di confine che ci divideva dalla famiglia accanto, lo vedo come una nuvola bianca, con tutti i suoi fiori, bellissimo. Altre volte tutto rosso, carico di gustose ciliege. Spesso c’è qualcuno appollaiato sopra, che si mangia le ciliege e ci schizza i noccioli… qualche volta cerca le ciliege gemelle e le lancia a noi bambine che ce le mettiamo a mò di orecchini… ora sento il fresco delle ciliege sulle guance… ne sento il profumo… sento la voce delle bambine amiche che ridono… Ora è difficile tornare alla realtà, sono sommersa da tanti cari ricordi… nostalgie che fanno quasi male… e qualche rimpianto per quello che abbiamo perso o lasciato strada facendo. E’ difficile aprire gli occhi per tornare alla realtà e capisci che erano quelli “ i bei tempi “ quando  il niente bastava per essere contenti.

Giochiamo a nascondino? – Si ma se ti trovo ti dò un bacio – Se non mi trovi sono dietro la porta

.images

https://www.youtube.com/embed/58qyTnay3jY?rel=0&controls=0&showinfo=0">’>’>’>’>’>’>’>’>’>’>’>https://www.youtube.com/embed/58qyTnay3jY?rel=0&controls=0&showinfo=0

  22 Settembre 2011

 

37839840_1

Non ti ho amato per noia, o per solitudine

o per capriccio

Ti ho amato perchè il desiderio di te era più

forte di qualsiasi felicità.

E lo sapevo che poi la vita non è abbastanza

grande per tenere insieme tutto quello che riesce

ad immaginare il desiderio.

Ma non ho cercato di fermarmi nè di fermarti

sapevo che lo avrebbe fatto lei

E lo ha fatto: è scoppiata

tutta di un colpo.

              A Baricco

daniel_ridgway_knight_c3229_the_village_seamstress_small

 

Perchè è così che ti frega la vita

ti piglia quando hai ancora l’animo

addormentato e ti semina dentro un’immagine o

un odore, o un suono, che poi non te lo togli più

E quella li era la felicità,

lo scopri dopo, quando è troppo tardi.

E già sei per sempre un esule

a migliaia di kilometri da quell’immagine

da quel suono da quell’odore.

Alla deriva.

                         A Baricco

cuore rosso

10 Novembre 2011

Vladimir Gusev

Alcuni giorni fa, ho letto un aforisma di

Henry Louis Mencken “ La coscienza è quella

voce interiore che ci avverte della possibilità

che qualcuno ci stia guardando “.

Dopo un attimo di riflessione, ho sentito

riemergere alla memoria, un ricordo sepolto

da circa sessant’anni.  Ho rivisto come in un film

una scena……….  avevo circa 16 o 17 anni, (oggi ne

ho 77 abbondanti)   facevo parte della corale

parrocchiale, mi trovavo in chiesa, sù dove c’era

l’organo, si cantava la Messa, allora in latino, ero

attenta, concentrata con gli occhi sul libro dei

canti.  Qualcosa, una forza che non so, ha fatto

sì che alzassi lo sguardo verso una certa

direzione  -  ho incontrato gli occhi verdi di un

ragazzo coetaneo, che mi guardavano in un modo

mai conosciuto prima. -   Quello che provai non lo

so descrivere,  ma ricordo che mi tremarono le

ginocchia e credevo di cadere………

Concordo con l’autore dell’aforisma, che dice: la

coscienza è una voce che ci avverte…..

Ora però mi sorge un dubbio:  era la mia

coscienza che mi avvertiva,    o era la sua che

mi chiamava con più forza ???

cuore rosso

 

DSC07935

Ho sceso

ho sceso

dandoti il braccio

almeno un milione di scale

e ora che non ci sei

è il vuoto ad ogni gradino

anche così è stato breve il

nostro lungo viaggio

il mio dura tutt’ora

nè mi occorrono le coicidenze

le prenotazioni le trappole gli scorni

di chi crede che la realtà

sia quella che si vede.

Ho sceso un milione di scale

dandoti il braccio

non già perchè con quattr’occhi

forse si vede di più

con te le ho scese perchè sapevo

che di noi due le vere pupille

sebbene tanto offuscate erano le tue

            Eugenio Montale.

kh460w3oey4

 

 

cuore rosso

9891

Ascolto il tuo respiro che labile e distrutto

del mio cuore sempre farà parte,

che della mia anima sarà sempre il punto

più nascosto, il mio pensiero più proibito,

il mio sogno ormai infranto.

Ascoltando il tuo respiro io muoio

e pensando a te sorrido,

nel dolore atroce della morte.

             Anonimo

Mi sveglio e tu sei lì al mio fianco

nella notte,

Mi tocchi e calmi le mie paure

trasformi l’oscurità nella luce.

Mi sveglio e ti vedo lì

di fianco a me come prima.

Un tuffo al cuore trovandoci vicino.

Sentirti vicino ancora una volta

Sentire il tuo amore

ancora una volta.

La tua forza mi ha reso forte

anche se la vita ci ha separati.

Ed ora quando la notte sembra buia

il tuo amore brilla nel mio cuore.

4cqc367m59q

9 Gennaio 2014

ON GOLDEN POND

Raccontami del destino che ti ha voluto

dimmi del sogno che ti ha ingannato.

Parlami del tuo lasciarti vivere,

ascolterò in silenzio.

Guarderò i tuoi occhi tingersi di rugiada

amerò il tuo sguardo di malinconia

Asciugherò le tue lacrime accarezzerò

il tuo volto. Prenderò il tuo fardello di dolori

Ti porterò un canestro di di nuove gioie

Dipingerò per te nel cielo un universo nuovo

La sera scenderà leggera e

l’ultimo raggio di sole

accarezzerà i nostri capelli bianchi.

                    Giancarlo Piccoli.

7iqbay90nfs

 

 Vladimir Volegov

sunny breakfast

Riuscire a descrivere a parole, le riflessioni

che ci accompagnano segretamente giorno

dopo giorno, a volte dietro un finto

spensierato e incosciente sorriso, o dietro

una frase… una battuta…

Ricordi nostalgie rimpianti attese delusioni,

sentimenti e risentimenti…

cacciati e pressati in fondo all’anima…

ma che riemergono puntuali nei lunghi silenzi

e sono silenzi “rumorosi” “assordanti”

che graffiano l’anima…

            Anonimo

 

roses

   La vita non sempre fa male,

può stracciarti le vele,rubarti il timone.

ammazzarti i compagni a uno a uno,

giocare ai quattro venti con la tua zattera,

salarti seccarti il cuore

come la magra galletta che ti rimane,

per regalarti nell’ora

dell’ultimo naufragio

nelle tue vergogne di vecchio

i grandi occhi,il radioso

innamorato stupore,

di Nausicaa.

                         Gesualdo Bufalino

RoseGlitterDivider

terza prova Natale0001

100_3243 

2 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. annitapoz
    Ago 23, 2011 @ 09:17:29

    A volte penso che con l’andare degli anni la nostra schiena s’incurvi sotto il peso dei “baci non dati” e degli “abbracci non ricevuti”; quei gesti d’affetto che avremmo potuto dare e ricevere ma di cui, per qualche inspiegabile motivo, ci siamo privati. Non ricordo d’aver mai chiesto a mia madre un abbraccio, né di averle mai detto: “Posso darti un bacio?”, ci si limitava a quelli “convenzionali” del compleanno, del Natale, della buona notte (quest’ultimo solo nella prima infanzia).

    Rispondi

  2. Antonietta
    Ago 23, 2011 @ 12:43:32

    Hai ragione, oggi sento sulla schiena il peso dei baci non dati………mi hai fatto ricordare il bacio della buona notte…….fingevo di dormire per sentire il suo bacio lieve sulla mia fronte………il ricordo mi emoziona ancora.
    Grazie Annita.

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: